RIVISTA L'INDUSTRIALE l'industriale presenta, quindicinalmente, l'offerta di macchine utensili nuove ed usate disponibili presso i migliori rivenditori specializzati; ed inoltre interviste, news, economia, fiere, novità dalle industrie...

SCOPRI DI PIÙ»
MACCHINE IN VENDITA

Ricerca tra migliaia di macchine utensili in vendita, nuove, usate, da aste, liquidazioni e fallimenti.

ANNUNCI DI RICERCA

Leggi gli annunci di chi cerca macchine utensili.

VENDI LA TUA MACCHINA

Registrati e metti in vendita on line le tue macchine utensili usate e nuove.

RIVISTA L'INDUSTRIALE
l'industriale presenta, quindicinalmente, l'offerta di macchine utensili nuove ed usate disponibili presso i migliori rivenditori specializzati; ed inoltre interviste, news, economia, fiere, novità dalle industrie...
SFOGLIA
l'ultimo numero
ABBONATI A
L'INDUSTRIALE
SCOPRI DI PIÙ»
RICERCA
RIVENDITORE
rivenditore
nazione
provincia
LE FIERE
Le principali FIERE ITALIANE ED ESTERE inerenti il mondo della lavorazione dei metalli
ELENCO FIERE
La AMB 2018 stabilisce nuovi parametri
91.016 operatori a Stoccarda / La AMB acquisisce un’importanza internazionale / Il tema principale: la digitalizzazione nella produzione

Dopo cinque giorni appassionanti, la AMB chiude i suoi battenti come fiera più riuscita e più grande del 2018 in questo campo

La AMB ha chiuso i suoi battenti qualificandosi come fiera più riuscita e più grande del 2018 in questo campo. “Gli espositori, i visitatori e naturalmente anche la Messe Stuttgart sono di buon umore – la AMB è stata un successo pieno”, si rallegra Ulrich Kromer von Baerle, portavoce della direzione aziendale. “L’offerta è stata ampia proprio nel campo della digitalizzazione finalizzata alla produzione”, aggiunge Kromer. Dal Digital Way alle vetrine fino agli stand degli espositori.

Coloro che negli ultimi cinque giorni erano in giro per i padiglioni della AMB nel centro fieristico di Stoccarda potevano vedere ovunque volti pieni di soddisfazione, che fossero espositori o visitatori: la AMB 2018 non solo ha soddisfatto tutte le aspettative, ma ha anche superato tutti i record. “Con 1.553 espositori, un’area espositiva attualmente superiore ai 120.000 metri quadrati lordi e 91.016 visitatori, la AMB stabilisce nuovi parametri al centro fieristico di Stoccarda”, riferisce Kromer. Il bacino di utenza della AMB si è esteso in modo significativo. Il 18 % degli operatori è arrivato alla AMB di Stoccarda da 83 paesi. Ma non è solo la Messe Stuttgart a mostrare soddisfazione. Anche gli espositori e i partner dei dieci padiglioni completamente esauriti si sono dichiarati convinti della partecipazione alla AMB e dell’importanza della fiera internazionale per la lavorazione dei metalli per il settore.

Secondo Kromer, questo successo stimolerà la Messe Stuttgart a proseguire con i suoi progetti di ampliamento annunciati nell’ambito del piano generale per il 2025, come la costruzione di ulteriori parcheggi, quella del nuovo padiglione 11 e quella di un secondo centro congressi nella parte ovest dell’area espositiva.

Convincono l‘alto livello qualitativo dei visitatori e il piacere degli investimenti
La qualità dei visitatori convince a tutti i livelli. Circa tre quarti hanno indicato di partecipare alle decisioni di acquisto e approvvigionamento e il 78 % è venuto alla fiera con l’intenzione concreta di acquistare e investire. L’industria meccanica ha registrato la percentuale maggiore dei visitatori con il 36 %, seguita dall’industria della lavorazione e della trasformazione del metallo con il 27 %, l’industria dell’automobile / costruzione di veicoli con il 18 %, la costruzione di utensili e stampi con i 12 % e le aziende metallurgiche con il 10 %. Più di un terzo dei visitatori ha dichiarato di visitare solo la AMB e nessun’altra fiera. Oltre la metà è sicura che l’importanza della AMB continuerà a crescere. L’88% dei visitatori consiglierebbe la fiera ad altri.
Save-the-date: dal 15 al 19 settembre 2020 la AMB celebrerà il suo 20° anniversario.

Dichiarazioni sulla AMB 2018
“La notorietà dei membri dell’unione VDW ha evidenziato che si stata investendo nel nostro paese, ma anche nel mercato europeo e questo si riflette sulla qualità dei visitatori della AMB. Parallelamente, il tema della digitalizzazione nella produzione è sempre più centrale”, conclude il dottor Wilfried Schäfer, direttore generale dell’Unione tedesca delle fabbriche per le macchine utensili (VDW). Con “umati”, una possibilità standardizzata di collegare le macchine a strutture IT esistenti, si soddisfa “l’attuale esigenza di fornitori e clienti; la AMB è stata per noi il posto giusto per presentare al mercato “umati” al momento giusto”.

 “Un’atmosfera magnifica, i visitatori affluiti erano di un livello qualitativo esemplare. E’ stata di gran lunga la migliore AMB di tutti i tempi”, secondo il bilancio tratto dal presidente Lothar Horn dell’Associazione di categoria utensili di precisione in seno all’Associazione costruttori tedeschi di macchine e impianti (VDMA). Il nuovo padiglione Paul Horn (padiglione 10) è stato accolto benissimo. Per il direttore generale dell‘associazione VDMA, Markus Heseding, il grande afflusso di visitatori ai padiglioni 1 e 3 rivela l’importanza acquisita dagli utensili di precisione come valore aggiunto nella lavorazione dei metalli. Heseding racconta: “I nostri soci parlano di una AMB superlativa.”

“Tutti i padiglioni del comprensorio fieristico della AMB erano pieni, in tantissimi hanno attraversato i corridoi della fiera”, ha osservato anche Rainer Glatz, direttore generale dell’Associazione di categoria dei software e della digitalizzazione in seno all’Associazione costruttori tedeschi di macchine e impianti (VDMA). Il nostro stand era al padiglione 2, gli espositori presenti sembravano soddisfatti. Glatz: “Il motivo è la digitalizzazione, di enorme importanza per il settore. Senza software nessuna macchina e nessuna produzione possono funzionare.” Così, anche la mostra speciale “Digital Way”, presentata per la prima volta dalla AMB, è stata un buono spunto sulla strada verso il futuro digitale.

Gli espositori si mostrano entusiasti
“Siamo molto soddisfatti della AMB 2018. E’ la prima volta che siamo al padiglione 10 e la nuova posizione dello stand ci piace moltissimo”, loda Irene Bader, direttrice del marketing globale alla DMG Mori, apprezzando anche la nuova idea della AMB di suddividere diversamente i padiglioni. “Si sentiva un gran ronzio in tutto il comprensorio fieristico e all’entrata ovest, che si trovava vicino a noi, le persone affluivano in gran numero tutti i giorni sin dalle 9.00 del mattino.” Anche la qualità dei visitatori era ottima. Dopo tre giorni il numero delle offerte da presentare era già molto superiore a quello dell’ultima AMB. Le domande dei visitatori della fiera riguardavano per lo più i temi focali trattati dalla DMG Mori al proprio stand, ossia digitalizzazione, automatizzazione e processi dell’additive manufacturing. Relativamente alla digitalizzazione, i colloqui fieristici erano molto più concreti. Circa la metà delle macchine in mostra sono già dotate di soluzioni automatizzate – un trend che secondo Irene Bader si rafforzerà ancora di più fra due anni, alla prossima AMB. Anche la combinazione fra processi di additive manufacturing e lavorazione ad asportazione di truciolo, presente ormai da molti anni alla DMG Mori, ha incontrato grande interesse.

Inizialmente il dottor Dirk Prust, direttore generale dell’ufficio tecnico e portavoce della direzione aziendale degli stabilimenti Index, temeva che la congiuntura estremamente buona potesse allontanare qualche potenziale visitatore per mancanza di tempo. “Non è stato assolutamente così.” La sua spiegazione: “La necessità di realizzare nuovi progetti è talmente grande da costringere semplicemente a informarsi.” Ovviamente, queste esigenze reali allontanano in gran parte la paura anche in presenza di influenze instabili nella politica. Anzi, possono rivelarsi estremamente utili, come chiarisce il direttore della Index con l’esempio dei motori a scoppio: “I severi limiti di emissione dei gas di scarico richiedono nuove generazioni di motori, alcuni con componenti aggiuntivi come i turbocompressori, per la produzione dei quali sono necessarie nuove macchine.”

Anche lo stand del produttore di macchine utensili Yamazaki Mazak era “strapieno, con ancora più movimento rispetto a quello registrato durante l’ultima AMB”, constata Martin Engels, direttore generale della Yamazaki Mazak Deutschland. Spesso mancava del personale per far funzionare una macchina, cosa che ha posto al centro dell’attenzione il tema dell’automatizzazione. Engels si dichiara “un grande fan della AMB”. I motivi sono la compattezza della fiera, l’aeroporto adiacente al polo fieristico e la sua posizione nel cuore della regione leader per le macchine in Europa.

“Sono richieste soluzioni complete che noi offriamo”, racconta Christian Jung, direttore generale della GF Machining Solutions, una ditta fornitrice di macchine utensili dotate di varie tecnologie soprattutto per la costruzione di utensili e stampi. Molti clienti arrivano con domande assai specifiche e compiti concreti. La GF Machining Solutions sfrutta la AMB anche per ampliare i propri gruppi di clienti. Jung: “La AMB è ideale per noi, anche la grandezza è giusta, in un solo giorno di fiera i nostri clienti riescono a vedere in modo mirato tutto quello che gli interessa e il giorno dopo possono essere di nuovo in azienda. Questo grazie anche ai percorsi brevi della fiera.”
“In questi dieci anni dal trasferimento nel nuovo centro fieristico, secondo i nostri clienti la AMB è diventata la fiera più interessante nel campo della lavorazione del metallo”, spiega Steffen Nagel, socio gerente della Nagel Werkzeug-Maschinen. In questo è pienamente d’accordo con Koldo Arandia, direttore generale del partner di produzione Ibarmia: “The best machine tools show in the world”. Nagel: “Per noi la AMB è la piattaforma giusta perché qui riusciamo a raggiungere tutti gli interlocutori rilevanti – dall’operatore della macchina all’imprenditore.” E lo facciamo con successo, come dimostra il grande interesse dei visitatori della AMB per i torni cnc del nuovo partner commerciale Hyundai Wia.

Il fabbricante di macchine utensili FFG si è trasferito al padiglione 6 nell’ambito della riorganizzazione della AMB. Il direttore marketing Joachim Jäckl: “Per noi il trasferimento al padiglione 6, con il suo mix di macchine e automazione, è stato uno stimolo ad avvicinare le persone interessate alle nostre soluzioni produttive integrate – una combinazione fra macchina e automazione – e a collocarci meglio in questo campo.” Il grande consenso dei visitatori e i colloqui di alto livello con richieste concrete hanno confermato pienamente questa decisione.

Philippe Selot, Manager Marketing Communication alla Schleifmaschinenspezialisten United Grinding, loda l’organizzazione impeccabile della AMB. “La AMB è una vasta fiera, la posizione geografica nel sud della Germania e la vicinanza con la Svizzera e con l’Austria sono ottimali per noi.” Per i visitatori, i brevi percorsi e il buon collegamento con la rete stradale sono un vero e proprio vantaggio. “La possibilità di visitare la fiera in un solo giorno rende la AMB interessante per i nostri clienti. La nuova suddivisione tematica dei padiglioni facilita il visitatore nell’orientamento e lo aiuta a trovare quello che cerca.” Tutto ciò ha fatto sì che la United Grinding abbia potuto registrare un incremento pressoché degli utenti potenzialmente interessati, “un ottimo indizio della qualità eccellente dei visitatori”.


La digitalizzazione nella produzione è stato il tema principale della AMB 2018

Grande interesse per le innovazioni degli utensili

“Rispetto all’ultima AMB, la qualità dei colloqui è migliorata notevolmente, al nostro stand sono venuti più decisori”, racconta il dottor Jochen Kress, direttore generale della ditta produttrice di utensili di precisione Mapal Dr. Kress di Aalen. I colloqui erano indirizzati alle soluzioni integrali di progetti. Un argomento centrale è stato anche quello dell’elettromobilità per cui la Mapal ha sviluppato un nuovo programma di fresatura speciale. “Questo trend proseguirà, esattamente come è accaduto per il network e l’automatizzazione, e alla prossima AMB 2020 rivestirà un ruolo importante.”

“Abbiamo fatto ottimi affari, continueremo a investire”, dichiara Claude Sun, responsabile in Europa del reparto lavorazione ad asportazione di truciolo del gruppo Ceratizit, produttore di utensili di precisione del Lussemburgo. Si rallegra: “Rispetto alle ultime fiere, il flusso di visitatori alla AMB è cresciuto ulteriormente; complessivamente si registra un grande interesse per i prodotti innovativi.” Secondo quanto osservato da Sun, rispetto alla AMB 2016 sul fronte degli espositori quest’anno erano rappresentate molte più soluzioni di Industria 4.0. Con il Toolscope, il gruppo Ceratizit dispone di una soluzione per sorvegliare le macchine e gli utensili e per ottimizzare la produttività.

Per la LMT Tools la disponibilità e l’aumento della produttività sono le richieste principali dei visitatori della fiera e dei clienti. “I temi vengono portati avanti con nuove possibilità e nuove tecnologie”, osserva Maik Kämpchen, direttore delle vendite per la Germania della LMT Tools. Molte discussioni vertevano anche sulle possibilità dell’additive manufacturing. La LMT le sfrutta per la sua nuova testa di laminazione del filo, un tipico pezzo di serie.

“Dopo le fiere delle ultime settimane siamo arrivati a Stoccarda con grandi aspettative che sono state nuovamente superate”, fa il suo bilancio Markus Horn, direttore generale della ditta produttrice di utensili di precisione Paul Horn. “Rispetto alle precedenti AMB, i colloqui condotti al nostro stand sono stati migliori.” Horn presume che dietro a ciò vi siano progetti molto concreti. Molti vogliono conoscere fin nel dettaglio questa impresa, così fortemente orientata alla tecnologia, e conoscere il funzionamento di determinate soluzioni per ricavarne il meglio per i propri progetti e i propri processi. Grande interesse hanno riscosso a questo proposito le nuove tecnologie, come la tornitura fuori sagoma, una fresa a disco laterale con regolazione dinamica, o lo Speed Forming, una nuova interpretazione della nota piallatura.

“Per noi è la migliore AMB di tutti i tempi, ogni giorno abbiamo stabilito nuovi record di visitatori e l’umore dei nostri clienti è molto buono”, afferma Oliver Gühring, direttore generale dell’omonima ditta produttrice di utensili di precisione, facendo un bilancio. Naturalmente esistono anche le zone d’ombra di questo boom: tempi di consegna lunghi in tutti i settori e mancanza di personale, “uno dei maggiori problemi del momento; abbiamo bisogno di impiegati in tutti i campi”. Pertanto “per molti nostri clienti la produttività e l’efficienza si trovano in primo piano”, constata Gühring.

Katrin Hummel, direttrice generale della Hahn+Kolb, un rivenditore leader di utensili e macchine, afferma con gioia: “Rispetto all’ultima AMB del 2016 abbiamo registrato un netto incremento del numero di visitatori.” Non sono solo i numeri a quadrare; è aumentata anche la qualità, quasi più importante: “Notiamo che i visitatori vengono al nostro stand con richieste molto concrete.” Molte domande vertono sulla lavorazione di materiali ben precisi e si richiede in modo molto mirato il nostro nuovo programma per la foratura.


Numerosi operatori sono affluiti al centro fieristico di Stoccarda per la AMB 2018

La AMB
Alla AMB del 2018 di Stoccarda 1.553 espositori hanno presentato su un’area di più di 120.000 metri quadrati lordi innovazioni e perfezionamenti di sviluppo relativi a macchine utensili ad asportazione di truciolo, macchine utensili scrostatrici, utensili di precisione, tecniche di misura e garanzia della qualità, robotica, tecniche di maneggio di pezzi e utensili, software industriali & engineering, componenti, assiemi e accessori. La AMB 2018 gode del sostegno dei seguenti patrocinatori: VDMA Associazione di categoria degli utensili di precisione, VDMA Associazione di categoria software e digitalizzazione e Unione tedesca delle fabbriche per le macchine utensili (VDW).