RIVISTA L'INDUSTRIALE l'industriale presenta, quindicinalmente, l'offerta di macchine utensili nuove ed usate disponibili presso i migliori rivenditori specializzati; ed inoltre interviste, news, economia, fiere, novità dalle industrie...

SCOPRI DI PIÙ»
MACCHINE IN VENDITA

Ricerca tra migliaia di macchine utensili in vendita, nuove, usate, da aste, liquidazioni e fallimenti.

ANNUNCI DI RICERCA

Leggi gli annunci di chi cerca macchine utensili.

VENDI LA TUA MACCHINA

Registrati e metti in vendita on line le tue macchine utensili usate e nuove.

RIVISTA L'INDUSTRIALE
l'industriale presenta, quindicinalmente, l'offerta di macchine utensili nuove ed usate disponibili presso i migliori rivenditori specializzati; ed inoltre interviste, news, economia, fiere, novità dalle industrie...
SFOGLIA
l'ultimo numero
ABBONATI A
L'INDUSTRIALE
SCOPRI DI PIÙ»
RICERCA
RIVENDITORE
rivenditore
nazione
provincia
LE FIERE
Le principali FIERE ITALIANE ED ESTERE inerenti il mondo della lavorazione dei metalli
ELENCO FIERE
I costruttori di utensili, modelli e stampi hanno una casa
763 espositori, 14.000 visitatori: con la 2° edizione la Moulding Expo si afferma come fiera internazionale di un settore innovativo

L’esordio del 2015 fu subito un successo, ma la seconda Moulding Expo (MEX) del 31 maggio-2 giugno 2017, svoltasi al centro fieristico di Stoccarda, ha segnato il passaggio a un livello superiore. Con 763 espositori, che hanno attirato a Stoccarda oltre 14.000 visitatori provenienti da tutta la Germania, dall’Europa e da altri paesi del mondo, la fiera si conferma come punto d’incontro di settore più importante d’Europa nel campo della costruzione di utensili, modelli e stampi. Il 39% degli espositori proveniva direttamente dal cuore di questo settore. Inoltre si sono presentate le principali ditte fornitrici di questo comparto. La MEX evidenzia con ciò la sua posizione di fiera di settore per il settore.
 
Stoccarda si è presentata come piattaforma ideale per i temi di questo settore
Thomas Seul, presidente dell’associazione VDWF: “La MEX è caratterizzata da uno spirito del tutto particolare. L’influenza della fiera sul settore è notevole. I costruttori di stampi sono venuti a Stoccarda proprio per presentarsi a questa fiera. “Qui le imprese possono farsi una panoramica completa delle innovazioni, dei trend e degli sviluppi nel proprio contesto di mercato e la sede fieristica di Stoccarda è quella prescelta. Nell’area attorno alla capitale del Land Baden-Württemberg si registra infatti la massima densità di industrie tedesche ed europee. La zona ospita inoltre uno dei cluster più produttivi al mondo per la costruzione di utensili, modelli e stampi. Contemporaneamente, nel sud della Germania si trovano moltissime industrie d’utenza tradizionali, ad es. le aziende di trasformazione delle materie plastiche, del metallo e l’indotto dell’industria dell’automobile.
 
Lo scambio sempre più internazionale della Moulding Expo genera l’ispirazione per l’innovazione e il network di cooperazione necessario al successo del settore. Ulrich Kromer von Baerle, portavoce della direzione della Messe Stuttgart: “La seconda MEX ha dimostrato ciò che sono in grado di fare i costruttori di utensili, modelli e stampi high-tech europei e in particolare quelli tedeschi.” Anche quest’anno, gli organizzatori della fiera sono riusciti a creare alla Moulding Expo un’atmosfera piacevole e inconfondibile, nonostante la grandezza e l’internazionalità della manifestazione, e gli espositori e i visitatori si sono sentiti a casa.
 
I temi e i trend distintivi sono stati univoci durante i quattro giorni della fiera
Non c’è nulla che interessi maggiormente le imprese di settore quanto la digitalizzazione. Essa mette in particolare le medie aziende davanti a grosse sfide, legandole strettamente al discorso della crescente internazionalizzazione dei processi commerciali. Durante il suo tour della fiera, il primo ministro del Baden-Württemberg, Winfried Kretschmann, ha sottolineato “lo spirito inventivo” sorprendente dei costruttori di utensili, modelli e stampi, incoraggiando le aziende a intraprendere la strada futura del digitale. “E‘ più facile agganciare l‘IT al nostro mondo industriale che viceversa. Ovviamente i costruttori di utensili, modelli e stampi devono essere veramente determinati a intraprenderla, ma lo faranno sicuramente.”
 
Fra gli espositori che si sono presentati alla MEX c’erano anche molte aziende importanti che occupano posizioni chiave nella digitalizzazione con i loro prodotti e i loro servizi. Gli operatori si sono potuti anche fare un’idea precisa delle tecnologie generative che attualmente modificano l’intero settore, avendo modo di raccogliere informazioni sull’integrazione delle tecnologie 3D e sui processi dell’additive manufacturing nelle proprie catene di processo. Florian Niethammer, direttore di squadra della Moulding Expo alla Messe Stuttgart: “Molti visitatori della fiera sono venuti con richieste concrete, addirittura con disegni di progetti, per parlare direttamente con gli espositori di questioni e problemi in corso. Le discussioni sono state intense e i progetti sono stati subito concretizzati. Una cosa veramente unica.“
 
Sia gli espositori che i visitatori giudicano la MEX positivamente

“Al centro del mercato“ – questo il motto della Messe Stuttgart. Secondo le ditte espositrici le promesse non sono risultate esagerate. Nella MEX gli espositori scorgono la piattaforma ideale per il settore e i giudizi assegnati sono tutti positivi. Tutti raccontano di colloqui d’affari buoni e lunghi. Franz Tschacha, della ditta Deckerform di Aichach, vede nella MEX una “fiera per la vendita e la distribuzione di utensili tedeschi, in grado di reggersi sulle proprie gambe e presentarsi da sola“. Per Jörg Vetter (Hermann Hauff, Pforzheim) la manifestazione ha “soddisfatto pienamente i requisiti“ mentre il giudizio di Andreas Sutter (Meusburger, Wolfurt/Austria) è: ”Alla MEX c’era un’atmosfera fantastica che deve rimanere tale.” Il grado di concentrazione e produttività percepito alla Moulding Expo si rispecchia anche nei risultati del sondaggio ufficiale condotto fra gli espositori e gli operatori.
 
Gli espositori sono rimasti complessivamente convinti dell’eccellente organizzazione e della qualità del contenuto della MEX; alla qualità degli operatori hanno assegnato in media il voto 2,0. A rappresentanza delle tante ditte fornitrici, Isabell Oerder, responsabile marketing & comunicazioni alla NCSimul dello sviluppatore di software Spring Technologies GmbH, riassume: “Della fiera ci è piaciuta moltissimo la mescolanza dei prodotti all’interno dei padiglioni in cui sono stati raggruppati anziché divisi software, sistemi di comando e macchine. Con Industrie 4.0 ci avviciniamo sempre più a un approccio risolutivo di tipo globale e questo è positivo sia per gli espositori che per i visitatori.”
 
Pertanto i partecipanti sono sicuri che in futuro l’importanza della MEX continuerà a crescere per il settore. Anche il consenso fra il pubblico specializzato è risultato travolgente: degli oltre 14.000 visitatori, l‘83 % consiglia la fiera ad altri e il 93 % di essi è già sicuro di visitare la terza edizione prevista nel 2019. Markus Heseding spiega: “La MEX ha sorpreso per l’alta qualità e il tempo di permanenza del pubblico.” Il direttore generale dell’associazione di categoria utensili di precisione in seno a VDMA evidenzia la “sinergia ideale” delle numerose manifestazioni di accompagnamento come, ad esempio, le visite guidate della fiera, indirizzate ai partecipanti del forum per gli acquirenti svoltosi in parallelo e organizzato dall’Associazione federale per la gestione di materiali, acquisti e logistica (BME).
 
Punto d’incontro di una rete di settore internazionale
Uno dei compiti difficili, affidato alla squadra della MEX dai comitati, è quello di accrescere il grado di internazionalità. “A questo proposito siamo sulla buona strada“, afferma Niethammer. “Le imprese in cui operano i visitatori provengono dall’Europa e da tutto il mondo.” Il 31 % degli espositori era di provenienza straniera – pari a un più 7 percento. Anche la percentuale internazionale dei visitatori è cresciuta, passando dall’11 % al 14 %. Il direttore generale dell’associazione VDW, dottor Wilfried Schäfer, è lieto di questo sviluppo: “Il gran numero di stand collettivi stranieri e il crescente interesse dei visitatori confermano il posizionamento della fiera sul mercato!” I circa 2000 ospiti stranieri sono venuti a Stoccarda da 52 paesi: i visitatori provenienti dall’Austria (15 %) e dalla Svizzera (13 %) sono in testa alla classifica; seguono gli ospiti provenienti dall’Italia (10 %), dalla Turchia (7%) e dalla Repubblica Ceca (6 %).
 
“Gli interessati, provenienti da tutto il mondo, hanno potuto ammirare la Moulding Expo da una distanza ravvicinatissima”, afferma Florian Niethammer. “Le delegazioni delle associazioni di categoria da Estonia, Francia, Giappone, Spagna, Turchia, Croazia e USA hanno potuto allacciare contatti e raccogliere informazioni preziose.” Accanto alle visite guidate della fiera si è svolto anche un tour con focus sul press and toolshop della Mercedes-Benz di Sindelfingen. Niethammer sottolinea a questo proposito il successo del partenariato con l’associazione mondiale International Special Tooling and Machining Association (ISTMA), presentatasi per la prima volta alla fiera. Il presidente dell’associazione Bob Williamson sottolinea l’importanza della Moulding Expo come punto d’incontro internazionale: ”Non sono solo i costruttori tedeschi di utensili, modelli e stampi a riunirsi a Stoccarda, ma anche le imprese di tutto il mondo. Per avere successo in questo settore bisogna comunicare - anche con i potenziali concorrenti di mercato.” Ed è proprio questa “co-opposizione positiva“, come l’ha definita Williamson, ad essere stata notata e percepita ovunque alla MEX.
 
Gli eventi clou teorici e pratici del vasto programma collaterale
Attualità e compattezza: i relatori di alto livello hanno fornito una panoramica dei principali sviluppi della costruzione di utensili, modelli e stampi. “I seminari, le conferenze e i workshop hanno rappresentato un punto d’incontro ideale per realizzare scambi, perfezionarsi e discutere costruttivamente di argomenti tecnici. Si sono riuniti gli esperti che operano nei campi più diversi di questo settore“, spiega Florian Niethammer.
 
Un altro evento clou è stata la mostra speciale MEX, dedicata alla promozione delle nuove generazioni e contenente vaste informazioni sulla formazione e il perfezionamento. “Sono molto soddisfatto e grato per questo evento; inoltre sono particolarmente lieto del feedback positivo ricevuto dal forum per le nuove generazioni”, afferma Peter Gärtner, incaricato delle informazioni di gestione aziendale all’interno dell’Associazione federale costruttori di modelli e stampi. Al motto di “dà forma al tuo futuro!“ le associazioni di settore hanno presentato le esperienze formative principali nel campo della costruzione di utensili, modelli e stampi. Le scuole hanno potuto scambiarsi direttamente informazioni con gli istruttori e gli apprendisti e conoscere gli sbocchi lavorativi di questo settore durante le visite guidate.
 
Anche i processi di produzione live dei give away fieristici – le posate “ 3-2-eat!“ e il pezzo didattico “Polyman” – e la riproduzione della catena di processo attinente la lavorazione delle materie plastiche di Innonet sono risultati interessanti non solo per i giovani a inizio carriera, ma anche per tutti i visitatori della fiera. “E’ stato possibile toccare fisicamente la costruzione di utensili, modelli e stampi“, riassume il direttore della fiera Ulrich Kromer von Baerle.
 
Previsione: finita questa MEX si prepara la prossima
Le porte della Messe Stuttgart si sono appena chiuse dietro la MEX 2017 e già iniziano i preparativi per la terza edizione. I realizzatori della fiera hanno deciso di fare della Moulding Expo la fiera leader di settore in Europa. “Siamo lieti che la nostra fiera, ancora giovane, venga già inclusa nel calendario dei costruttori europei di utensili, modelli e stampi“, dichiara Ulrich Kromer von Baerle stabilendo subito i prossimi passi da compiere: ”La MEX 2017 ha consolidato la cooperazione con il settore e la strada intrapresa. Tuttavia, per noi, fare una fiera significa anche continuare a evolversi e imparare. In autunno, quindi, ci riuniremo con il comitato per stabilire i punti focali tematici e la data della Moulding Expo 2019.”
 
I dati sulla Moulding Expo 2017 in un colpo d’occhio:
Gli espositori:
763 ditte di cui 530 provenienti dalla Germania e 233 dall’estero suddivise su un’area espositiva netta di 21.620 m² (lorda 42.000 m²).
Il 61 % degli espositori giudica la Moulding Expo 2017 complessivamente buona o ottima. Il 94 % giudica la sede del Baden-Württemberg buona o ottima (voto medio 1,6).
 
L’offerta fieristica:
Costruttori di utensili, modelli e stampi (39 %)
Lavorazione per conto terzi o produzione su ordinazione, servizi (25 %)
Macchine utensili, tecniche di misura e macchine speciali (24 %)
Componenti e accessori (19 %)
Software (13 %)
Impianti per l’additive manufacturing (3 %)
 
Gli operatori:
14.015 visitatori di cui il 14 % proveniente dall’estero. L’84 % dei visitatori giudica la Moulding Expo 2017 buona o ottima. Il 93 % intende visitare nuovamente la fiera. Il tempo medio di permanenza è stato di 5 ore o 1,3 giorni.
 
I visitatori sono venuti da 52 paesi. In testa alla classifica:
Austria (15 %)
Svizzera (13 %)
Italia (10 %)
Turchia (7 %)
Repubblica Ceca (6%)
Francia (5 %)
Portogallo (5 %)
 
I settori economici dei visitatori:
Industria (73 %)
Artigianato (14 %)
Servizi (11 %)
Università, istituti superiori di qualificazione professionale, scuole professionali (6 %)
Commercio (5 %)
Addestramento, consulenza (3 %)
Autorità, servizi pubblici, associazioni (2 %)
 
I settori dei visitatori:
Industria dell’automobile e indotto (41 %)
Costruttori di utensili e stampi (29 %)
Costruttori di macchine e impianti (23 %)
Industria delle materie plastiche (15 %)
Costruttori di modelli e prototipi (11 %)
Lavorazione e trasformazione del metallo, produzione (11 %)
 
I visitatori seguono le seguenti sfere di competenza:
Produzione (18 %)
Sviluppo (14 %)
Gestione d’affari, imprenditoriale e aziendale (10 %)
Progettazione (11 %)
Vendite e distribuzione (12 %)
Il 75% dei visitatori ha dichiarato di influire sulle decisioni di acquisto e approvvigionamento.
 
L’intenzione dei visitatori di investire e acquistare (sono possibili più risposte):
nei prossimi 6 mesi (46 %)
nei prossimi 12 mesi (26 %)
nei prossimi 24 mesi (17 %)
alla fiera (7 %)
nei prossimi 18 mesi (6 %)